Condividi:

facebook twitter linkedin google email

Autorizzazione allo scarico di acque reflue con recapito in pubblica fognatura

Modalità

L'ottenimento dell' autorizzazione allo scarico è obbligatoria per tutti gli edifici collegati al servizio di pubblica fognatura che producono scarichi di acque reflue ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. ' Testo unico in materia Ambientale'.
E' prevista una deroga per gli scarichi di acque reflue domestiche in reti fognarie le quali gli scarichi delle stesse sono sempre ammessi  nell'osservanza dei regolamenti fissati dal gestore del servizio idrico integrato ed approvati dall'Autorità d'ambito (art. 124 c 4. del D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii.)  Dunque tali scarichi di acque reflue domestiche non sono soggette all'ottenimento di autorizzazione allo scarico in forma espressa.

La normativa che disciplina gli scarichi di acque reflue collegata alla pubblica fognatura è contenuta nel Regolamento del Servizio Idrico Integrato approvato dall'Agenzia d'Ambito Territoriale di Bologna ATO5 in data 23.05.2007

L'autorizzazione è intestata all'utilizzatore dell'immobile e deve essere ottenuta in via preventiva rispetto all'attivazione dello scarico. In caso di cessione, variazione della ragione sociale, ecc. è necessario provvedere alla richiesta di voltura dell'autorizzazione. L'Ufficio competente al rilascio è l'Ufficio Ambiente del Comune.

Nelle località servite da pubblica fognatura i titolari degli scarichi sono tenuti all'allacciamento alla rete fognaria con spese a loro carico e secondo le prescrizioni del Regolamento (art. 37 regolamento ATO 5).

Modalità di richiesta di allacciamento alla pubblica fognatura

La richiesta di allacciamento può essere inoltrata direttamente al Gruppo Hera tramite:
- telefonata al call center clienti 800 999 500;
- rivolgendosi allo Sportello Clienti in via Casalegno n.1, 40026 Imola;
- richiesta scritta via lettera, fax, e-mail.

Modalità di richiesta di autorizzazione allo scarico

L'istanza va richiesta utilizzando l'apposita modulistica e presentata al Comune di Castel Guelfo di Bologna- Ufficio Suap Ambiente, tramite:

- a mezzo posta indirizzata a Comune di Castel Guelfo di Bologna - Ufficio Ambiente, 40023, via A.Gramsci 10;
- presso l'Ufficio Protocollo dell'Ufficio Suap - Sue - Ambiente - del Comune di Castel Guelfo di Bologna;
- a mezzo PEC (posta elettronica certificata) all'indirizzo comune.castelguelfo@cert.provinica.bo.it.

Modalità di rilascio

L'ufficio Ambiente è tenuto al rilascio dell'autorizzazione in forma espressa. Per tale procedimento non è previsto rilascio mediante decorso del silenzio assenso.
L'ufficio provvederà all'acquisizione del parere tecnico del Gestore delle reti Hera Imola Faenza Srl. In caso di documentazione parziale l'ufficio provvederà alla richiesta di documentazione integrativa mancante.
L'autorizzazione allo scarico rilasciata non sostituisce eventuali adempimenti in materia di edilizia che si rendessero necessari al fine della realizzazione della rete e dell'impianto.

A chi rivolgersi

Requisiti

Al fine della presentazione dell'istanza di nuova autorizzazione allo scarico è necessario avvalersi di tecnico progettista abilitato.
I parametri di inquinamento da rispettare sono contenuti nella Delibera di Giunta Regionale n.1053/2003 e nel Regolamento del Servizio Idrico Integrato approvato dall'Agenzia d'Ambito Territoriale di Bologna ATO5 in data 23.05.2007.

Cosa occorre

Per le nuove autorizzazioni o rinnovo con modifiche:
- presentazione dell' istanza su modulistica prestampata in duplice copia con apposizione di marca da bollo nell'originale (previa elaborazione di progetto di tecnico abilitato per gli impianti nuovi o da adeguare);
- n. 4 copie di relazione tecnica descrittiva con indicazione descrizione degli scarichi e del relativo sistema di smaltimento adottato;
- n. 4 copie di  planimetria dell'edificio in scala 1:200 o 1:500 con indicazione della rete fognaria completa;
- 1 copia delle schede tecniche degli impianti di trattamento prescelti con indicazione di caratteristiche e dimensioni;
- 2 copie della planimetria catastale dell'insediamento ( scala 1:2000).

Per i rinnovi:
- presentazione dell' istanza su modulistica prestampata in duplice copia con apposizione di marca da bollo nell'originale;
- n. 4 copie relazione tecnica descrittiva riferita all'autorizzazione originale;
- n. 4 copie elaborato grafico con data attualizzata;
- n. 2 come di dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi del DPR 445/2000 con la quale il titolare dello scarico dichiara quanto segue:
        - vengono effettuate le dovute manutenzioni periodiche;
        - l' impianto è stato realizzato conformemente all'autorizzazione allo scarico di cui si chiede il rinnovo.

Tempi a conclusione del procedimento

L'ufficio Ambiente è tenuto al rilascio dell'autorizzazione entro 90 giorni dal ricevimento dell'istanza. Sono fatti salvi i tempi di attesa di documentazione integrativa mancante eventualmente richiesta dagli uffici.

Costi a carico dell'utente

I Diritti segreteria, da versare al momento del deposito dell'istanza, sono indicati nella Delibera di Giunta Comunale n. 19 del 03/03/2011.
da effettuarsi mediante i seguenti mezzi di pagamento:
- bollettino postale su C/C n. 17337403 intestato a Comune di Castel Guelfo di Bologna – Servizio Tesoreria indicando la causale di pagamento (autorizzazione allo scarico, via ____ n.);
- bonifico bancario intestato al Comune di Castel Guelfo di Bologna Tesoreria Comunale c/o Banca di Imola SpA, ABI  05080, CAB 21099, IBAN  IT 72 Y 05080 21099 T20990000015 indicando la causale di pagamento (autorizzazione allo scarico, via ____ n.);
- servizio bancomat c/o Ufficio Segreteria del Comune di Castel Guelfo di Bologna attivo dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13.00 indicando la causale di pagamento (autorizzazione allo scarico, via ____ n.).

Diritti istruttori di Hera Imola Faenza quantificabili in relazione alla tipologia di impianto. La richiesta di pagamento perverrà al richiedente direttamente dal Gestore.

Scadenza

L'autorizzazione allo scarico ha validità 4 anni dal rilascio ed entro la data di scadenza deve essere rinnovata.
Per rinnovo si intende il rinnovo di autorizzazione a condizioni immutate presentata entro il termine di scadenza dell'autorizzazione. Dopo la scadenza del termine di validità l'autorizzazione è considerata nuova. Nel caso sussistano variazioni della tipologia di impianto, del dimensionamento o della consistenza di manufatti o reti e/o del carico inquinante, si dovrà procedere alla richiesta di nuova autorizzazione.

Sanzioni

Le sanzioni applicabili di natura penale ed amministrative pecuniarie in caso di assenza o mancato rispetto di autorizzazione allo scarico (quando obbligatoria in forma espressa) sono previste dall'art. 133 del D.Lgs. 152/2006 in materia ambientale.

Le sanzioni si applicano nella seguente misura:

Sanzioni Amministrative (art. 133 del D.Lgs. 152/2006):
- superamento dei valori limite di emissione fissati nelle tabelle di cui all'Allegato 5 parte III del D.Lgs. 152/2006: sanzione amministrativa da tremila euro a trentamila euro;
- scarico in assenza di rispetto delle prescrizioni indicate nell'autorizzazione: sanzione amministrativa pecuniaria da millecinquecento euro a quindicimila euro.

Sanzioni Penali (art. 137 del D.Lgs. 152/2006):
- scarichi di acque reflue industriali in assenza di autorizzazione: arresto da due mesi a due anni o ammenda da millecinquecento euro a diecimila euro;
- scarichi di acque reflue industriali contenenti sostanze pericolose di cui alle tabelle 5 e 3/a dell'Allegato 5 alla parte III del D.Lgs. 152/2006  in assenza di autorizzazione: arresto da tre mesi a tre anni;
- scarichi di acque reflue industriali contenenti sostanze pericolose di cui alle tabelle 5 e 3/a dell'Allegato 5 alla parte III del D.Lgs. 152/2006  con mancato rispetto delle prescrizioni contenute nell'autorizzazione: arresto fino a due anni;
- scarichi di acque reflue industriali, con superamento dei valori limite fissati nella tabella 3 dell'Allegato 5 alla parte III del D.Lgs. 152/2006: arresto fino a due anni e ammenda da tremila euro a trentamila euro. Se sono superati anche i valori limite fissati per le sostanze contenute nella tabella 3/A del medesimo allegato 5: arresto da sei mesi a tre anni e ammenda da seimila euro a centoventimila euro.

Normativa

Servizio Ambiente - Nota esplicativa per acque di prima pioggia
Servizio Ambiente - Regolamento di fognatura e depurazione

Modulistica

La modulistica è disponibile in due formati, entrambi gratuiti: PDF e RTF. Leggi le istruzioni per la compilazione e l'invio.
Servizio Ambiente - Diritti istruttori parere Hera reflui in fognatura
Servizio Ambiente - Domanda di autorizzazione allo scarico di reflui industriali in pubblica fognatura
Servizio Ambiente - Domanda scarichi in acque meteoriche
Servizio Ambiente - Importi diritti istruttori Hera
Servizio Ambiente - Linee guida acque di dilavamento
Servizio Ambiente - Richiesta di preventivo di allacciamento alla rete fognaria
Anagrafica dell'Ente
Comune di Castel Guelfo di Bologna
Via Gramsci 10
40023 Castel Guelfo di Bologna
Tel. 0542/639211- Fax 0542/639222
Email: urp@comune.castelguelfo.bo.it
PEC: comune.castelguelfo@cert.provincia.bo.it
P.Iva: 00529031205 - C.F: 01021480379

Accessibilità
Questo sito, interamente gestito con il CMS i-Plug, è accessibile a tutti gli utenti poiché il codice che lo sostiene è compatibile con le direttive del W3C che definisce gli standard di sviluppo per il web: XHTML1.0 - Mobile friendly

Crediti
La redazione e la gestione di questo sito è a cura dell'URP del Comune di Castel Guelfo. Per inviare segnalazioni:
urp@comune.castelguelfo.bo.it
Pubblicato nel luglio 2012 - Upgrade luglio 2016
Sito realizzato da Punto Triplo

lock Area riservata