ZONA ROSSA DA GIOVEDI’ 4 MARZO PER TUTTI I COMUNI DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI BOLOGNA

Ordinanza della Regione Emilia Romagna in vigore dal 4 marzo al 21 marzo.

Le limitazioni:

  • SPOSTAMENTI. È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona rossa nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Sono consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita.
  • ATTIVITA’ COMMERCIALI. Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 23 al Dpcm, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici.. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.
  • ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE E RISTORAZIONE. Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie ecc.), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale nel rispetto dei protocolli anti contagio. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dal codice ATECO 56.3 l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18:00. Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati. Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali, negli aeroporti, nei porti e negli interporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.
  • SCUOLA E SERVIZI EDUCATIVI. Le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado si svolgono esclusivamente con modalità a distanza. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. È sospesa la frequenza delle attività formative e curriculari delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica, fermo in ogni caso il proseguimento di tali attività a distanza. Dal 6 marzo 2021 sono sospese le attività dei servizi educativi dell’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65.
  • SERVIZI ALLA PERSONA. Dal 6 marzo sono sospese le attività dei servizi alla persona di barbieri e parrucchieri, dal 4 marzo le attività di estetisti. Restano consentite le attività di lavanderie, tintorie, servizi di pompe funebri.
  • ATTIVITA’ MOTORIA E SPORTIVA. Sono sospese tutte le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (articolo 17, commi 2 e 3 Dpcm 2 marzo 2021), anche se svolte nei centri sportivi all’aperto. Sono altresì sospesi tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli enti di promozione sportiva. È consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie. È altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale.
  • SOSPESE le attività culturali e ricreative dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’art. 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio.

https://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus

https://www.ausl.imola.bo.it/covidnews

Vai ad inizio pagina