Salta al contenuto

Contenuto

E’ disponibile la graduatoria dei beneficiari della carta solidale acquisti 2023.

I beneficiari sono identificati attraverso il numero di protocollo della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU).

Puoi trovare il DSU nella prima riga in alto a destra  della dichiarazione ISEE  (In allegato un facsimile dove è evidenziato il DSU)A partire da oggi, mercoledì 19 luglio, le lettere saranno spedite ai beneficiari.                                                                                                       Con apposite convenzioni, il Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (MASAF) ha provveduto a stipulare accordi con tutti gli esercizi aderenti, appartenenti alla Grande Distribuzione Organizzata e non solo, per l’applicazione di un ulteriore sconto del 15% in favore dei possessori delle carte.

È possibile consultare liberamente la lista delle Associazioni aderenti alla promozione della misura, e degli esercizi commerciali che si sono impegnati all’applicazione della scontistica del 15% alla seguente pagina:

Convenzione MASAF / Associazioni del Commercio

Che cos’é la carta solidale acquisti?

La carta solidale acquisti 2023 è una carta di pagamento elettronica concessa, in modo automatico e senza necessità di presentare domanda, a famiglie in possesso di determinati requisiti per acquisti di beni alimentari da effettuare nei supermercati o negozi convenzionati.

La carta, rilasciata da Poste Italiane, è nominativa e contiene un contributo uguale per tutti di 382,50 euro.

Chi può riceverla?

Le cittadine e i cittadini che fa nucleo familiare (con almeno 3 componenti) e residenti nel territorio italiano:

  • iscritti nell’Anagrafe della Popolazione Residente (Anagrafe comunale);
  • con una certificazione ISEE ordinario, in corso di validità, non superiore ai 15.000 euro annui ;

Non puoi ricevere il contributo

Se si riceve già Reddito di Cittadinanza; Reddito di inclusione; qualsiasi altra misura di inclusione sociale o sostegno alla povertà o in cui almeno uno dei componenti sia percettore di  Assicurazione Sociale per l’Impiego – NASPI e Indennità mensile di disoccupazione per i collaboratori – DIS-COLL; Indennità di mobilità; Fondi di solidarietà per l’integrazione del reddito; Cassa integrazione guadagni-CIG; qualsiasi differente forma di integrazione salariale o di sostegno nel caso di disoccupazione involontaria, erogata dallo Stato;

Vuoi sapere di più?

Allegati

Ultimo aggiornamento: 12-10-2023, 13:10